lettera badessa - AMICI SANT'AGOSTINO

Vai ai contenuti

lettera badessa

Reverenda Madre
anche se non mi conosce le scrivo per ringraziarla di quanto lei e le sue sorelle hanno fatto e fanno per tutti noi "Amici di S. Agostino": grazie alla Vostra generosità, permettete d'incontrarci due volte l' an
Chi le scrive, deve la sua conversione proprio ad uno dei convegni tenuti pochi anni fa a Cascia e da allora  è  un riferimento costante mio e della mia famiglia.
Perché le scrivo? Perché quest'anno, durante le celebrazioni vissute nella settimana santa, vedendo le suore dietro le grate, ho pregato. Ho pregato per tutte voi, io che ho sempre contestato il clero e rite che non vi fosse nulla di più inutile della clausura. Mi sono coì ritrovato a rivedere la mia vita ed ho capito di quanti doni il Signo mi ha ricolmato. So che lei certo avrà avuto modo di ascoltare grandi conversioni, ma ci tenevo lo stesso a farle sapere che la Vo generosità può e deve dare dei frutti, ed io spero di esserne uno. Perciò, proprio perché non mi perda ma continui insieme alla mia famiglia su questa strada, pregate per me, anzi per noi.
Vorrei esprimere infine, reverenda Madre, un grazie a padre Vincen Lolli che tra le tante cose mi ha permesso di conoscere la figura stupenda di quella che io amo solo chiamare "RITA", perché la sen più vicina, e di conoscere la Vostra sensibilità nei nostri confronti che facciamo così poco per Voi.
Sperando sempre che la grazia del Signore non ci abbandoni mai, pregheremo per Voi.

UN FRATELLO IN CRISTO GESÙ


Torna ai contenuti